sTenbLog[punto]com*

2012 / 18 giugno

Dance Social Network … visto dal palco


9 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 9 Pin It Share 0 LinkedIn 0 9 Flares ×



Fino a che le cose le farai con passione verranno bene .. Così mi è stato detto e così ho sempre visto che funziona, se poi a farcire il tutto ci metti la vulcanica mente di una Direttrice di Scuola di danza davvero eccezionale unitamente alla competenza e affetto di allieve, allievi, collaboratori e genitori, ecco che il mix di ingredienti è praticamente fatto e tutto si riassume in una performance di due ore e passa, fatta di balletti (ma il termine é quantomeno riduttivo) e piece teatrali.

Quando sono stato coinvolto in questo evento mi era stato spiegato bene quello che era il mio ruolo, un “guru” della rete e dei Social Network che avrebbe coinvolto il pubblico nella realizzazione della storia d’amore di due ragazzi, Anna e Marco, e li avrebbe coccolati nel loro primo incontro.

Quello che non mi era stato detto invece era che avrei collaborato con professionisti, ballerini e tecnici dal talento cristallino, pronti a mettersi in gioco quanto a prendersi in giro .. gente che sa fare il proprio mestiere davvero bene, con la quale niente è lasciato al caso..

É nato così Dance Social Network, riassumendo in note e passi di danza quello che facciamo tutti i giorni, condividere e plasmare il mondo!
Avremmo voluto twittare dal palco, far vedere a tutti la potenza dei Social, in parte è stato cosi ma quello che più conta è il sorriso lasciato sulla faccia della gente, gli applausi strappati da grandi e piccole danzatrici, la fluida leggerezza del passo a due di Alessandro e Greta

Proprio da loro due vorrei iniziare a “salutare” una compagnia che per una settimana ha diviso calura e fatica..

Alessandro, ballerino di indubbio talento, leggero come una piuma al vento, forte tanto quanto basta a sollevare una compagna di ballo sopra la propria testa; persona di rara squisitezza, dallo sguardo sicuro come lo è chi fa quello che ama nella vita, sorriso contagioso e cuore grande, vederlo volteggiare sul palco è una musica per gli occhi …
Greta, candida come una calla dalla quale prende anche il fascino e il mistero, il suo sorriso nel passo a due con Ale é una delle immagini che mi porto via da questo spettacolo con più aviditá. É loro il momento più bello e toccante dello show, quel “pas de deux” che ti toglie il fiato tanto é vero, tanto é bello, che ogni passo, ogni figura ti da un brivido, a me l’onore di essere spettatore privilegiato della loro arte, a loro il mio abbraccio più sincero.

Il corpo di Ballo (delle grandi) del centro Danzaricerca, Giada, Silvia, Deborah, Paoletta, Sara, Rosy, Alessandra, Libe nuove amiche dal talento danzante indiscusso, sempre pronte allo scherzo, attente e meticolose nel farsi trovare pronte all’appuntamento della loro “TICER”, a loro va il merito di avermi accolto come un “vecchio collaboratore” conosciuto da sempre facendomi sentire MAI fuori luogo.

Le piccole “Puffe“, sono loro che mi hanno regalato i sorrisi più belli, l’innocenza e la bellezza dei bimbi é e deve essere l’unico motore del mondo.. Il loro cantare durante la loro performance è un altro di quei momenti che mi porto avidamente via, non ho avuto il piacere di salutarle ad una ad una, ma il loro “ciao signor Carota” rimane il suono più bello di questa scorpacciata di musica.

Degli altri ragazzi che hanno ballato (oltre 100) porto via la professionalitá, seppur giovani la passione per la danza vive nei loro occhi, a loro l’augurio di coronare i loro sogni, dovunque questi li portino.

Lo staff tecnico, professionisti dalla maniacale precisione, per i quali la perfezione di audio, video e luci non è un optional, di loro invidio il lavoro, con loro abbiamo scherzato, spero di ritrovarli presto.

Fabio e Max, direttori di scena dalla lingua “biforcuta” con loro si sono fatte le più grasse risate, in intercom e fuori, gente di rara disponibilitá, ce ne fossero al mondo come loro!!

Tutte le mamme che hanno tenuto a bada (per 4 giorni) l’infinita moltitudine di bambini scalmanati! Disponibili e sorridenti, credo che senza di loro le cose sarebbero andate mooolto diversamente!!

Stiamo arrivando alla fine dei “saluti”, ed é il turno di due persone che per me stanno una spanna sopra, i Creativi Digitali, Lele e Cri, professionisti come creativi e professionisti come esseri umani. La mia presenza a DSN é una loro invenzione, la maggior parte dei miei sorrisi sono una loro invenzione; a loro va ancora il mio abbraccio più schietto, il mio sorriso più bello, collaboreremo ancora in millemila cose, e per questo mi ritengo fortunato!

Non vi ho detto che il Regista dello show (il co-regista via) è stato Oreste Castagna, i piccoli lo conosceranno come Gipo del Fantabosco, una persona che ho avuto il piacere di conoscere e che fa del sorriso dei bambini il suo biglietto da visita. Suoi sono i preziosi consigli per la buona riuscita dello spettacolo, sua la grinta che abbiamo messo sul palco. Grazie Oreste!
PS: abbiamo da farci una mangiata insieme Gipo, non fare scherzi!

Ultima ma non ultima LEI, la direttrice del Centro Danzaricerca, ballerina, coreografa, artista a tutto tondo. La conoscenza che ho di Agnese non é di lunga data, questo non mi vieta di dire che di lei amo la naturalezza e l’espressività del suo volto sia durante il ballo che fuori. Noi possiamo anche essere matti durante le prove, ma non quanto lei, questo si sappia.

Permettetemi infine di ringraziare la mia Ale e la mia LittleG, forse non lo sapete ma la nostra storia ha molte similitudini con quella di DSN, e guardarla negli occhi mentre raccontavo la storia d’amore di Marco e Anna è stato come rivievere quel minuto che mi ha cambiato la vita. I loro sguardi, i loro sorrisi mi hanno aiutato a fare meglio quello che giá sapevo fare bene.. Indispensabili é dire poco.

Sono stato lungo, lo so, avrei potuto esserlo moooooooolto di più.. E se non ho taggato qualcuno in questo post pregherei voi di farlo, sono Mister Social Network, ma anche io sbaglio!

9 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 9 Pin It Share 0 LinkedIn 0 9 Flares ×
Commenti
  • Google Plus
  • Facebook
  • WordPress

LEAVE YOUR COMMENT